lunedì 11 giugno 2018

Ballottaggio per il nuovo Sindaco di Siena



... e ora si va al Compro, Baratto e Vendo?
 

Incontro Corea del Nord - USA




Primo positivo risultato in occasione del viaggio dei due leader a Singapore: durante una telefonata, ufficiosa, c'è stato un franco e complice scambio degli indirizzi dei rispettivi parrucchieri.

domenica 10 giugno 2018

domenica 3 giugno 2018

sabato 2 giugno 2018

Il nuovo governo



Via, ve lo devo confessare: sono, tra gli Italiani, uno dei più contenti per la formazione del nuovo governo.
No, non è per egoistici motivi partitici, ci mancherebbe! è che, subito dopo il risultato delle elezioni, mia moglie mi aveva costretto ad accettare una scommessa contro di lei.
Stamani ho incassato i miei trenta euro, tutti in contanti!

martedì 29 maggio 2018

Privacy (lo vuole l'Europa)



Questo sito web utilizza i pasticcini per migliorare il servizio e presentare post personalizzati, specie di primo mattino e all'ora del tè.

Usando il sito accetti questo utilizzo.



lunedì 28 maggio 2018

Un uomo solo al comando



Italia, sono preoccupato: adesso i Presidenti della Repubblica avranno il potere di bocciare qualsiasi governo!

L'Italia non è una repubblica presidenziale, il Presidente è un mero ornamento, lo si mette fuori per fare qualche discorsetto ufficiale e per brindare con un vermouthino, un po' come si espone la bandiera sugli autobus per le feste.

Il Capo di Stato li nomina, il Presidente del Consiglio e i Ministri, non decide questo sì, questo no; la Costituzione non ne parla.
Il Presidente della Repubblica nomina il Presidente del Consiglio dei Ministri e, su proposta di questo, i Ministri., dice l'articolo 92.
L'articolo 94 specifica che: Il Governo deve avere la fiducia delle due Camere. [Delle due Camere, non del Presidente della Repubblica...]
La carta costituzionale lo fa contare così poco, il Capo dello Stato, che gli impone il DOVERE di approvare una qualsiasi legge (anche incostituzionale!) che gli venga presentata la seconda volta per la firma, fosse anche l'uscita dall'Euro o dall'Europa; figuriamoci se i Padri Fondatori gli concedevano il diritto di veto a un governo che si forma su una maggioranza di voti!

Così vanno invece le cose, proni ai dictat di tutti tranne che a quelli degli elettori...
E un nuovo non eletto, un altro unto dal signore (dal signor Presidente) è pronto a prendere la barra di comando.
Voteremo ancora?

[Nota Bene: non ho votato né per Lega né per Movimento a Cinque Stelle]